Blog | Notizie dal mondo del networking

26.01.2015.
Lun

HDSL: cos’è?

Una connessione internet veloce e stabile è utile nel caso di un uso occasionale, ma diventa fondamentale quando alla navigazione o alle varie forme di comunicazione si uniscono le necessità legate allo svolgimento di un’attività. Per questo motivo i vari provider hanno sviluppato una serie di servizi di connessione che cercano di sopperire alle difficoltà legate all’assenza dell’adsl, o addirittura della fibra, con l’accesso a forme di connessione “simmetrica”.

Le principali ed anche quelle più commerciali sono la Shdsl e la Hdsl. Soprattutto quest’ultima viene considerata una valida alternativa, per quanto riguarda la velocità garantita in entrata ed in uscita, rispetto alla banda ultra larga.

Le caratteristiche ed i vantaggi della connessione Hdsl

La velocità minima garantita è di almeno 2 Mbps, mentre quella massima è generalmente fino a 8 Mbps. L’aspetto particolare sta nel fatto che essendo simmetrica, la stessa velocità viene offerta sia per traffico in uscita che per il traffico in entrata. Si tratta di un tipo di connessione molto stabile e con velocità costante, per il fatto che deve essere creata una specifica linea per ciascun utente.

Per usufruire la connessione Hdsl non si può contare sulla linea e sul doppino classico di rame, ma serve una linea specifica con un router apposito. Quindi anche il servizio di traffico voce è disponibile solo in modalità voip. Con questa connessione viene garantita una velocità elevata anche nelle zone che non usufruiscono della presenza dei cavi in fibra ottica.

Gli svantaggi del servizio Hdsl

Pur trattandosi di una tecnologia un po datata, l’HDSL svolge molto ben la propria funzione garantendo un servizio molto efficiente. L’unica nota dolente è quella legata ai costi che, sia per le tariffe che per i costi di installazione, sono mediamente molto elevati, e considerata la concorrenza e l’espansione della fibra ottica, anche poco motivati dal futuro del mercato.

Esempi di offerte Hdsl

Oltre ai principali provider come Fastweb e Telecom (a cui si aggiunge Aruba) si segnalano:

  • Siportal prevede un costo di attivazione di 250 euro, con differenti opzioni che possono essere scelte a costi differenti a seconda dei servizi accessori scelti;
  • Planetel parte, per una velocità di 4 Mbps, da 385 euro, con un costo di attivazione di 450 euro con un costo per il comodato del modem abbastanza contenuto (5 euro mensili).